DAY – 1 Las Palmas, Gran Canaria

Dopo la grande prova della prima tappa in cui Ambrogio si è posizionato sesto, con un distacco di poco più di 4 ore dal primo classificato, lo svizzero Valentin Gautier (ricordiamo che la classifica finale verrà assegnata sulla somma dei tempi!), e arrivando a percorrere 240 miglia in 24 ore (la terza  media più alta tra le barche di serie!), Beccaria è pronto per la partenza della seconda tappa della regata: 2700 da Gran Canaria a Le Marin (Martinica).

“Sono tranquillo”, dice Ambrogio “perché ho avuto così pochi problemi nella prima tappa che ora non vedo l’ora di partire. Qui a La Palmas la situazione è in sordina rispetto a La Rochelle, non ci sono famiglia e amici e… in un certo senso sarà più facile partire, non sono abituato a tutti quegli spettatori!”

“Se ho paura? Sinceramente no”, continua Beccaria. “La prima tappa è durata 10 giorni e questa sarà più lunga, ma non di tanto. Il meteo invece è molto complicato. Per fortuna nello studio della strategia mi aiuta il routier Jean-Yves Bernot, il guru della meteorologia oceanica, per la prima tappa è stata utilissima la preparazione fatta con lui. Gli alisei ci sono, ma non sono alisei intensi, non c’è tanto vento e insomma non sarà un’autostrada. La partenza non sarà facile perché bisognerà gestire il cono di poco vento dietro le isole e negoziare la rotta tra questa zona di poco vento e il vento forte vicino alle coste africane. Dopo di che bisognerà fare una grossa scelta: o una rotta a Nord che è un po’ rischiosa, ma più breve, o una a Sud, più sicura, ma con tante miglia in più. Non deciderò a terra, ma quando sarò già in mare in base al meteo che riceverò. Cosa mi aspetto? Spero di divertirmi tanto come durante la prima tappa. E per quanto riguarda l’obiettivo sportivo: arrivare nei primi dieci.”

LA PARTENZA SARA’ DOMANI ALLE ORE 13 (locali) e 14 (italiane).

Puoi seguire la regata sul tracking cliccando qui.

Stay tuned!