THE DAY AFTER #5

Mentre a Le Marin sono arrivati proprio tutti e sono uscite le classifiche generali con la somma delle due tappe – Ambrogio è 26esimo – abbiamo chiesto un parere conclusivo su questa prima Mini-Transat di Bogi a un grande della vela oceanica italiana Vittorio Malingri aka Il Vecchio.

Ciao Vittorio, come commenti la regata di Ambrogio?
Bogi è partito bello carico, ci teneva molto a fare bene in questa Mini. Ma il vero problema è stata la rottura al bompresso che lo ha costretto a fermarsi 12h. Peccato, come anche l’avaria di Fantini e Bona alla Jacques Vabre: sono parte del gioco esattamente, come un problema meccanico o un caduta nel Moto GP.

Come giudichi la sua scelta di ripartire da Capo Verde?
Ha fatto bene a ripartire anche senza possibilità di podio. Ha fatto un’ esperienza preziosissima, divertendosi, onorando un accordo con se stesso, Vittoria e lo shore team, Ambeco e tutti noi che lo seguiamo.

Pensi che nonostante la Mini andata male Ambrogio abbia un futuro da navigatore davanti a lui?
Ambrogio è alla sua seconda stagione Mini e alla prima Mini-Transat. Ha vinto o respirato sul collo dei primi in quasi tutte le prove affrontate. E’ un giovane navigatore con davanti a se tutta una vita di regate oceaniche e non. Il suo futuro è davanti e sta a lui concretizzarlo…

Ciao Vittorio buon vento e saluta il Nano Maori Di Bagnolo!! 🌬️⛵

#Classemini #MiniTransatLaBoulangere #mini650 #AllaGrandeAmbeco #GoBogiGo #extremesailing